giovedì 5 dicembre 2013

Filtri digradanti

A volte può capitare che una foto abbia una parte un po' troppo "anonima". Ad esempio fotografando un panorama quando il cielo è molto terso e non ci sono nuvole rischiamo di avere una foto che, pur essendo bella, non è davvero speciale.

Per ovviare a questo problema i fotografi di solito utilizzano dei filtri appositi chiamati digradanti che si mettono davanti all'obbiettivo della fotocamera.
La caratteristica di questi filtri è quella di avere una parte trasparente e una più scura colorata o semplicemente nera.

Modificando la quantità di luce che proviene da una certa zona della nostra inquadratura possiamo migliorare notevolmente una parte che diversamente risulterebbe piatta e priva di interesse.

Qui sotto potete vedere qualche esempio di questi filtri.

Se non abbiamo a disposizione questi filtri però possiamo riprodurre il loro effetto in modo davvero molto semplice.

Cominciamo subito con una foto:


La foto è abbastanza bella ma il cielo, pur avendo qualche nuvola, è un po' troppo piatto.

Creiamo allora un nuovo livello e assicuriamoci che sia selezionato. Il riempimento non ha importanza perché lo modificheremo in seguito:


Selezioniamo lo strumento di riempimento e andiamo a cambiare il colore principale.


Come colore ho scelto un blu molto scuro e con saturazione media. Il colore dipenderà dalla foto e dall'effetto che volete ottenere, ma nella maggior parte dei casi dovrà essere molto scuro.

In certe foto professionali potreste vedere un effetto digradante con tonalità marrone che se usato bene può rendere le foto davvero spettacolari.


Fatto questo cliccate sulla vostra foto per riempire di colore tutto il livello. Non preoccupatevi se il vostro soggetto sparisce dietro ad un muro colorato!


Ora aggiungiamo una maschera di trasparenza al livello che abbiamo colorato. Di nuovo non avrà importanza cambiare i parametri di default.


Selezioniamo lo strumento per le sfumature dal pannello degli strumenti e clicchiamo sul tipo di sfumatura nelle sue opzioni per scegliere il modello che ci interessa. Quello che ho scelto io è chiamato Default ed è precisamente quello che riproduce i filtri digradanti.


Controllate che il vostro colore principale sia il nero. Se non è così modificatelo come avete fatto precedentemente.

A questo punto dobbiamo creare la sfumatura (che andrà ad agire sulla maschera di trasparenza). Clicchiamo in mezzo alla nostra immagine e, senza rilasciare il pulsante del mouse, trasciniamo il puntatore fino al bordo superiore dell'immagine come mostrato qui sotto:


Questa operazione indicherà a Gimp come creare la sfumatura. Agendo come ho indicato specifichiamo che vogliamo avere tutto trasparente dal bordo inferiore della foto fino a circa metà, per poi sfumare verso un'opacità completa verso il bordo superiore.

Notate che non ha importanza la posizione in orizzontale della riga che state tracciando, mentre hanno molta importanza la posizione in verticale e il punto di arrivo. Se i due punti della linea non saranno allineati verticalmente, la trasparenza (e quindi l'effetto) sarà inclinata secondo la direzione tracciata.

Il punto di partenza invece dipenderà dall'effetto che volete ottenere e potrà essere più in basso o più in alto rispetto a quanto fatto per la mia guida.

Se tutto è andato come doveva il risultato sarà più o meno come questo:


Se l'effetto è troppo marcato, potete modificare la trasparenza totale del livello spostando il cursore apposito.


Ecco il risultato finale del nostro effetto:


Come vedete la foto è molto più interessante rispetto alla versione originale.

Come al solito nulla vieta di cambiare un po' di parametri per ottenere effetti diversi. Ad esempio usando un altro colore:


Oppure sfumando la parte inferiore della foto (con una tonalità sul verde) invece di quella superiore:


E le possibilità sono davvero innumerevoli. Potreste cambiare l'angolo della sfumatura o anche creare due livelli con due sfumature diverse (magari differenti colori per due diverse zone).

Potete trovare il video di questo articolo nella pagina dei filmati.


Nessun commento :

Posta un commento